VIAGGIO IN INGHILTERRA DEL SUD:
ecco come risparmiare e come abbiamo organizzato il nostro itinerario

Viaggio in Inghilterra come risparmiare

 

 

VIAGGIO IN INGHILTERRA COME RISPARMIARE E COME ABBIAMO ORGANIZZATO IL NOSTRO ITINERARIO

Ed eccoci appena rientrati dal nostro viaggio attraverso il sud dell’Inghilterra: ancora carichi di emozioni e di voglia di fare, cerchiamo di condividere con te più informazioni possibili su questo itinerario di cui ti indichiamo tutte le tappe. Le descrizioni di cosa vedere e fare in ogni città/paese le trovi cliccando sulla parola corrispondente al luogo, non appena scriverò i relativi post.

Come vedi noi abbiamo unito il sud con Londra, ma se ti sembra troppo, potresti separare le due parti in due viaggi diversi. Ciò che ti consiglio è di dedicare a Londra almeno 4 giorni: è molto vasta, a volte gli spostamenti da una parte all’ altra della città richiedono tempo, e avresti modo di vedere non solo il centro classico, ma anche altri quartieri che meritano davvero perchè maggiormente carichi di atmosfera inglese. Noi abbiamo avuto quasi 5 giorni e ti assicuro che abbiamo trottato parecchio per vedere tutto quello che abbiamo descritto qui sotto, e nonostante ciò  abbiamo dovuto saltare Greenwich, tanto per dirti!

 

 

 

TOUR INGHILTERRA DEL SUD + LONDRA

giugno 2019

Inghilterra itinerario
Inghilterra: il nostro itinerario

 

GIORNO 1: volo Easyjet da Milano Linate a Londra Gatwick; ritiro auto a noleggio e trasferimento a Oxford. Pernottamento in hotel.

 

GIORNO 2: giornata completamente dedicata alla visita di Oxford. Verso sera trasferimento in hotel a Celtenham.

 

GIORNO 3: tour di alcuni paesini delle Cotswolds.

 

GIORNO 4: partenza per visitare Castle Combe, considerato uno dei villaggi più belli d’ Inghilterra, e visita della città di Bath. In serata trasferimento in hotel nei pressi di Salisbury.

 

GIORNO 5: mattino visita a Salisbury , mentre nel primissimo pomeriggio partenza per Arundel per visitare l’imperdibile castello e la deliziosa cittadina. Verso sera trasferimento in hotel a Eastbourne.

 

GIORNO 6: mattinata dedicata alla visita delle bianche scogliere Seven Sisters. Nel pomeriggio visita a Rye e verso sera arrivo arrivo in hotel a Canterbury.

 

GIORNO 7: visita di Canterbury la mattina, mentre nel pomeriggio trasferimento a Londra e disbrigo formalità di riconsegna auto e acquisto biglietti del treno per il ritorno verso Gatwick (ci siamo portati avanti per non doverci più pensare)

 

GIORNO 8: Londra → mattina a St. James’s Park e Buckingham Palace per assistere al cambio della guardia. Pomeriggio giro tra i più importanti quartieri centrali:  Oxford Street, Carnaby Street, China Town, Piccadilly Circus, Neal’s Yard, Trafalgar Square e Covent Garden.

 

GIORNO 9: Londra → passeggiata di prima mattina verso Little Venice, Regent’s Park per arrivare fino a Camden Town and Lock e giro tra i mercati per shopping. Tardo pomeriggio visita ai grandi magazzini Harrods.

 

GIORNO 10: Londra → mattinata ad Hyde Park per vedere la fontana dedicata a Lady Diana e i Kensington Gradens and Palace. Verso tarda mattinata visita al Museo gratuito di Storia Naturale, mentre nel pomeriggio visita al quartiere di Nottingh Hill con la sua mitica via Portobello Road con le sue case colorate.

 

GIORNO 11: Londra → camminata mattutina lungo la South Bank (lungo Tamigi) passando per il famosissimo Borough Market, il Tower Bridge, la Tower of London, solo per citare i più importanti, fino ad arrivare allo Sky Garden, il giardino più alto di Londra con accesso gratuito: al 35° piano abbiamo ammirato lo skyline della città. Verso le due del pomeriggio abbiamo visitato gli eccentrici quartieri di Shoreditch e Brick Lane famosi per la loro street art e per le case tipiche a mattoncini.

 

GIORNO 12: Londra → al mattino visita a Westminster Abbey. Il tempo rimanente prima del nostro volo l’abbiamo trascorso di nuovo alla South Bank per assistere agli spettacoli degli artisti di stradae abbiamo fatto un salto veloce alla Tate Modern Museum. Tardo pomeriggio spostamento verso Gatwick in treno per il ritorno.

 

 

 

 

 

PERCHE’ ABBIAMO SCELTO L’INGHILTERRA

Sicuramente non amiamo particolarmente la cucina londinese, il tempo bizzarro, il clima freddino e i prezzi per noi un pò troppo alti. Allora ti starai chiedendo: perchè l’avete scelta?

Prima di tutto per nostra figlia Giada alla quale quest’inverno, sentendo parlare dei compagni di scuola, è venuto il pallino di Londra. Diciamo che, una volta tanto che era decisa su una meta, avremmo voluto accontentarla. Inoltre, avendo fatto lei la scelta, sarebbe stata curiosa ed entusiasta e non avrebbe messo musi lunghi durante il viaggio. Io personalmente mancavo da Londra da almeno vent’anni e mi avrebbe anche fatto piacere rivedere quella capitale londinese che ha accompagnato la mia gioventù mentre studiavo lingue! Inoltre avevo desiderio da un pò di fare un bel tour attraverso il sud dell’Inghilterra che dalle foto mi pareva meraviglioso e che io non avevo mai visto, quindi quale migliore occasione? Altro motivo la Brexit: non sapendo come andranno a finire le cose, ho preferito decidere di visitare questo paese ora che fa ancora parte dell’Europa! O adesso o mai più! E così è stato deciso all’inizio di quest’anno: andremo in Inghilterra!

 

 

 

VIAGGIO IN INGHILTERRA: COME RISPARMIARE

META ECONOMICA? NO, MA…

 

Purtroppo Londra per noi non è molto economica, soprattutto perchè il cambio non è favorevole (1 euro = 1,15 pound – nel 2019). Ora ti faccio un piccolo elenco di ciò che secondo noi risulta un pò caro:

  • al ristorante solo un piatto di pasta, pizza oppure hot dogs e bevande spendevamo sempre dai 40 (circa 45 euro) ai 60 pound (circa 67 euro) in tre;

 

  • le attrazioni sono anche queste molto care, andiamo dagli 11 /12 pound (poco più di 13 euro) a testa fino ad arrivare anche a 23/26 pound (circa 29 euro) sempre a testa;

 

  • i parcheggi sono tutti a pagamento [nel nostro caso persino quelli degli hotel: dai 3 ai 6 pound (poco più di 3 e 6 euro) per notte]; ho visto parcheggi chiedere più di 10 pound per 24h

 

  • gli hotel vanno da un minimo di 90 pound a notte (circa 100 euro) fino a 130 pound a notte (circa 145 euro), considerando gli hotel più economici che molto spesso non ci hanno nemmeno offerto la colazione; quella la dovevi pagare a parte.

 

  • la SIM UK per avere internet e consultare Google Map (in generale noi non abbiamo il roaming): nonostante in Inghilterra non ci sia bisogno del roaming, a noi i dati mobili Vodafone, nostro operatore in Italia, non funzionavano affatto! Ci è capitata la stessa cosa in Portogallo e non riusciamo a capire perchè. Così abbiamo acquistato una sim Vodafone UK in aeroporto al costo di 25 pound (28 euro) per 20 Giga…Per darti un metro di paragone, in Portogallo nel 2018, 15 euro per 30 Giga! All’atto dell’acquisto ci sono dei ragazzi davvero disponibili ad aiutarti con tutti i passaggi dell’attivazione: in aeroporto a Gatwick non c’è un negozio Vodafone dove ti fanno tutto, ma solo un rivenditore di ricariche, per questo mettono gli aiuti!

 

 

VIAGGIO IN INGHILTERRA: COME RISPARMIARE

MA C’E’ UN MA: il modo per contenere un pochino le cifre esiste! 

 

  • VOLO: prenotando con diversi mesi di anticipo (nel nostro caso 5) si riesce ad acquistare un volo a prezzi decenti: noi sulle 375 euro in tre a/r con Easyjet compreso un bagaglio da stiva da 23 kg. Volare su Gatwick è più economico che volare su London City o su London Heathrow, mentre Stansted rimane un pò più fuori mano.

 

 

  • ATTRAZIONI: devi sapere che moltissimi musei a Londra sono gratuiti: non hai bisogno di acquistare biglietti a cifre da capogiro per andare sul London Eye o sullo Shard per vedere Londra dall’alto! Lo Sky Garden è completamente gratuito: sali al 35° piano e hai una vista mozzafiato su tutta Londra, seppure attraverso delle vetrate, ma questo vale anche per il London Eye! Durante l’itinerario a sud abbiamo pagato tutto profumatamente, ma la chiesa di Salisbury non è a pagamento e merita davvero: se si vuole si può lasciare un’offerta che loro stimano in 7 Euro a testa, ma ognuno lascia ciò che vuole o volendo addirittura niente.

 ELENCO DEI PRINCIPALI MUSEI GRATUITI A LONDRA: British Museum, Natural History Museum, Science Museum, Tate Modern, Tate Britain, Royal Air Force Museum, Imperial War Museum, Victoria &Albert Museum, Bank of England Museum, London’s Zoology Museum, Somerset House, National Gallery, The National Portrait Gallery.

 

 

  • SCONTO 2X1: su molte attrazioni di Londra e non solo, esiste la formula del 2×1 che non è niente male. Se sei in coppia e in possesso di due biglietti del treno , attenzione però che abbiano il simbolo della National Rail che ti ho circondato in giallo nella foto sotto, una persona entra gratis nell’ attrazione.
Biglietto National Rail
Biglietto treno con simbolo National Rail

COME FUNZIONA? Poniamo che acquisti due biglietti da un aeroporto a Londra e viceversa, quindi due andate e due ritorni: puoi usufruire di questo sconto su qualsiasi attrazione scegli, ed in qualsiasi giorno che sia compreso tra la tua data di andata e quella di ritorno. In breve se rimani una settimana, per tutta la settimana avrai diritto agli sconti sulle attrazioni che sceglierai.

Se invece, come nel nostro caso, hai due biglietti o solo per l’andata o solo per il ritorno, avrai diritto allo sconto soltanto in quel preciso giorno del tuo viaggio in treno. Se non prevedi di prendere nessun treno, potresti pensare comunque di acquistare un biglietto anche solo per una piccola tratta che non ti costi molto, e il gioco è fatto! Noi con questa opportunità,  abbiamo visitato Westminster Abbey a 33 pound invece di 56: non male direi! Giada ha pagato l’entrata scontata perché minore di 15 anni, mentre uno di noi due é entrato gratis. Insomma, basta avere biglietti del treno col simbolo National Rail .

ATTENZIONE: anche la travelcard CARTACEA (non l’abbonamento caricato sulla Oyster) ha il simbolo National Rail, pertanto può essere anch’esso utilizzato per lo sconto 2×1

 

COME FARE? Vai prima di tutto su questo sito dove trovi l’elenco di tutte le attrazioni sulle quali puoi ottenere il 2×1: per prima cosa ti devi registrare, poi clicchi sull’attrazione desiderata e ti esce una schermata come questa sotto, che dovrai compilare col numero delle persone (lo sconto viene fatto ogni 2 persone, se il numero è dispari l’ultimo paga normale), la data e la stazione (non è importante, lascia pure Victoria, è un proforma). Poi clicchi “GET VOUCHER”

 

INGHILTERRA COME RISPARMIARE
Voucher 2×1 Inghilterra

 

Clicchi sul pulsante arancio (foto sotto) e ti si apre un’altra schermata: potrai quindi decidere se fare arrivare il voucher per mail, cliccando sulla mail, oppure stamparlo subito, cliccando “print”. Questa procedura la puoi fare quando vuoi e quando hai le date certe, e non implica nessun pagamento anticipato! L’attrazione scontata la si paga solo una volta che si è sul posto!

INGHILTERRA COME RISPARMIARE
Voucher 2×1 Inghilterra

 

La stampa di questo voucher è però importantissima ai fini di ottenere lo sconto una volta a Londra o altra città: il giorno della visita all’attrazione scelta dovrai presentare il “VOUCHER” + “BIGLIETTO TRENO CON SIMBOLO NATIONAL RAIL” (quello con le bande rosse che ti ho mostrato sopra). Va da sè dunque che il biglietto del treno devi già averlo in mano, ecco perchè noi l’abbiamo acquistato subito appena arrivati, anche se l’avremmo utilizzato solo 5 giorni dopo!

 

 

 

 

  • AUTOSTRADE:  per quanto riguarda il tour del sud, noleggiare un’auto (se utilitaria risparmi ulteriormente) é il modo più economico per girare rispetto ad un tour organizzato con l’agenzia. Le autostrade non sono soggette a pedaggio, anche se sono un po’ malridotte,  nel senso che gli asfalti non sono drenanti, per cui quando piove camion e auto ti alzano una nebulosa da far paura (vedi foto sotto).  La cosa positiva che riguarda il noleggio auto è che non esiste in UK la franchigia minima non eliminabile: nonostante uno possa acquistare un’assicurazione totale, può esserci ancora qualcosa da pagare ulteriormente a discrezione del paese in cui ci si trova. Ecco, in Inghilterra non fanno pagare questa franchigia. Un altro modo ancora più economico dell’auto per spostarsi è l’autobus: dicono siano molto comodi e ben organizzati, ma ve li consiglio solo se volete fare escursioni da Londra, ad esempio, verso altre città. Per un giro più itinerante come il nostro, o per addentrarsi in zone più scomode come ad esempio i Cotwolds, l’autobus direi che non sia la soluzione ottimale.
Inghilterra come risparmiare
Strade Inghilterra quando piove

Noi abbiamo noleggiato da Hertz che non è sicuramente la compagnia più economica, ma è una tra le più serie e abbiamo scelto di fare un’assicurazione SUPER COVER, cosa che  consiglio anche a te. Sulla questione sicurezza è meglio non pensare al risparmio, e ti dico che rifaremmo la stessa cosa anche a posteriori: le strade a volte sono molto strette, anche in mezzo ai boschi, e il rischio di portar via specchietti o rigare la macchina è altissimo. Per non parlare della guida a sinistra: se è la prima esperienza, prima o poi una strada in contromano la prendi (a noi è successo una volta,  per fortuna con zero conseguenze). Abbiamo rinunciato al cambio automatico per spendere quasi la metà, ma sarebbe davvero utile averlo!

 

 

 

  • METROPOLITANA: per quanto concerne Londra invece, ho trovato molto conveniente viaggiare in metropolitana acquistando però una Oyster Card, con la quale non spendi più di 7 pound al giorno, a testa, se rimani nelle zone centrali (1-2). Anche sulla Oyster seguirà un approfondimento quando scriverò l’articolo specifico su Londra, ma non esitare a scrivermi in privato se hai bisogno subito di queste info.

 

 

  • TRENO: gli spostamenti in treno sono piuttosto cari, per questo abbiamo cercato di evitarli preferendo l’auto, ma per tornare a Gatwick da Londra si è rivelata un’ottima scelta acquistare i biglietti della Southern che, insieme alla Thameslinkhanno costi più ridotti rispetto al Gatwick Express e arrivano a destinazione in 40 minuti, che non mi pare un tempo così lungo. In alternativa più economici ancora ci sono i minibus EasyBus che però impiegano un’ora e mezza in base al traffico che è sempre congestionato a Londra! Io personalmente questa opzione l’ho subito scartata perchè ci avrebbe fatto perdere troppo tempo! I biglietti del treno si possono acquistare online, oppure come abbiamo fatto noi direttamente in loco a Victoria Station per Southern e Gatwick Express, mentre per la Thameslink mi pare di ricordare che li vendano a Tower Hill, ma chiedete prima al banco informazioni per quest’ultima perchè non sono sicurissima.

 

 

  • PARCHEGGI: in ogni città in cui si va c’è sempre da pagare per i parcheggi, come dicevo anche negli hotel, almeno in quelli che abbiamo scelto noi. E’ raro trovare posto sulla strada entro le strisce bianche non a pagamento, e anche quando le si trovano, non si può sostare per più di una o due ore. Un’eccezione per noi sono state le Cotswolds: durante questo giro solo in un paesino abbiamo dovuto pagare, per il resto abbiamo trovato a bordo strada senza limiti di permanenza. Escludendo Londra dove non abbiamo mai utilizzato l’auto,  abbiamo trovato molto conveniente la formula “Park&Ride”: ogni città ne ha diversi; in pratica lasci l’auto in questi grandi parcheggi e sempre dallo stesso luogo partono i bus che ti portano in centro città impiegando dai 15 ai 20/30 minuti, in base al traffico. La differenza nelle cifre dipende dal fatto che in alcuni si paga sia il parcheggio che il bus, mentre in altri il parcheggio è gratuito e si paga solo il trasporto, ma in linea generale si va, considerando entrambe le opzioni, dai 3 ai 6 pound per 2 adulti, sia andata che ritorno, mentre i ragazzi sotto i 16 anni non pagano.

 

 

  • HOTEL: abbiamo considerato le catene più economiche Travelodge e Holiday Inn per il giro verso sud, mentre un ostello pulito e con servizi igienici in camera per Londra. La buona notizia è che negli hotel non si devono pagare tasse di soggiorno (in compenso si pagano i parcheggi :D)

 

 

  • CAMBIO VALUTA: il mio consiglio è quello di cambiare i soldi in banca in Italia prima di partire; lo stesso vale per il ritorno, meglio cambiare in Euro quando si rientra in Italia, ma ricordati di non avere troppe monetine con te perchè quelle non vengono cambiate. Noi avevamo circa 20 pound in monete: abbiamo comprato una stupidata in un bar alla stazione Victoria (altrimenti non possono aprire la cassa), e ci siamo fatti dare la cifra corrispondente in carta. Nel nostro caso abbiamo preferito portare parecchio contante con noi durante il viaggio (circa 2000 euro abbondanti) e pagare solo lo stretto necessario con la carta (ad esempio Hertz vuole solo carta di credito) per non avere nessuna commissione caricata e non rischiare clonazioni varie.

 

 

 

 

 

VIAGGIO ADATTO AI BAMBINI/RAGAZZI?

Sicuramente sì, ci sono molto luoghi tra quelli che abbiamo visitato che sono super adatti alle famiglie e ai bambini di tutte le età, però  il nostro itinerario non è adatto per chi ha figli piccoli perchè risulta piuttosto movimentato e impegnativo. Noi l’abbiamo fatto con nostra figlia di 12 anni, età in cui camminano senza problemi e possono sopportare qualche disagio senza lamentarsi troppo: ogni giorno circa 22 km a piedi non è poco se non si è abituati! Quindi per bimbi più piccoli consiglio di consultare altri siti o blog più specifici per quella fascia d’età, oppure di estrapolare dal mio itinerario ciò che ti sembra più adatto alle tue esigenze.

 

 

 

 

 

VIAGGIO IN INGHILTERRA: COME RISPARMIARE

MANGIARE A PREZZI CONTENUTI

Durante questo viaggio abbiamo cercato di arrangiarci un pochino per risparmiare: i pranzi li abbiamo fatti quasi tutto al sacco acquistando panini, affettati, formaggio, frutta, biscotti e bibite nei supermercati; in questo modo riuscivamo in tre a restare sui 10/15 pound al giorno, ed è sicuramente la soluzione in assoluto più economica di tutte. I due giorni che ha piovuto e non si poteva restare fuori a mangiare, siamo andati semplicemente dal classico Mc Donald, il preferito di Giada, dove per un Mc Chicken, una patatina piccola e una coca piccola, spendevamo più o meno la stessa cifra del supermercato.

 

Inutile dire che sono piuttosto economiche le catene “Prete a Manger” dove trovi più che altro panini, insalate, insomma, cose veloci, come anche al piano terra dei magazzini Selfridges, oppure “You can Eat”, ma anche dove si mangia cibo asiatico si può risparmiare abbastanza. Altra soluzione potrebbe essere mangiare nei pub acquistando il piatto unico del giorno, che rimane anche più completo, oppure si mangia molto bene all’interno dei mercati tipo Borough Market, dove per un panino farcito si spendono tra le 5 e le 8 sterline, un pò più caro del supermaket ma i panini sono caldi e squisiti, e puoi acquistare anche dolci e frutta perchè c’è davvero di tutto!

 

Per la sera ci concedevamo un piatto caldo al ristorante: durante il tour del sud siamo stati praticamente obbligati a mangiare all’hotel, non avendo altre scelte nei dintorni, mentre a Londra purtroppo non ti so indicare un ristorante tipico inglese perchè Giada, dopo aver provato l’italiano che stava a due passi dal nostro hotel, “Ristorante Pizzeria San Marco – Paddington”, non ha più voluto cambiare! In linea generale, in tutti i ristoranti provati, per un primo o un secondo completo di contorno, con bibite (senza antipasti, dolci, caffè o ammazza caffè) i costi si aggiravano dai 40/45 ai 60 /65 pound, parlo sempre per tre.

 

 

 

 

 

DOVE ABBIAMO ALLOGGIATO

 

OXFORD (1 notte) → TRAVELODGE OXFORD PEAR TREE

Punti di forza:

  • molto vicino all’autostrada, dunque comodo per riprendere il viaggio e più economico non trovandosi in pieno centro;
  • camere minimali ma molto pulite con bagno privato;
  • personale alla reception gentile e disponibile;
  • vicino al benzinaio e a due passi dal Park&Ride che ti porta ad Oxford centro in circa 15/20 minuti.

Punti di debolezza:

  • non hanno ristorante, ma vicino c’è uno Starbucks per cene al volo, oppure si può entrare all’Holiday Inn di fronte per una cena al ristorante, anche se non di quelle che rifaresti la seconda volta;
  • si paga il parcheggio a parte: 4 pound x 24 h per i clienti dell’hotel, altrimenti il doppio;
  • colazione non inclusa;
  • non c’è niente intorno al di fuori dell’hotel;
  • Wi-Fi gratis solo per la prima mezz’ora, poi a pagamento.

♣ Piccolo trucchetto: noi ad esempio siamo arrivati verso le 16, quindi voleva dire che avevamo il posto fino alle 16 del giorno successivo, giorno in cui saremmo stati a Oxford per la visita. Purtroppo non si possono inserire monetine per prolungare la durata di un paio d’ore e, siccome i vigili passano, ti beccheresti una bella multa. Proprio da parte al parcheggio dell’hotel ce n’è un altro caro come il fuoco, ma che ti permette di parcheggiare due ore gratis, cosa che abbiamo fatto noi dalle 16 alle 18; dopodichè abbiamo rispostato l’auto nel parcheggio dell’hotel per ottenere quelle due ore in più di posteggio, e il gioco è stato fatto! Quindi calcola in base a questo l’orario del tuo arrivo!

 

 

 

 

♠CELTENHAM (2 notti) → HOTEL JURIS INN CELTENHAM

Punti di forza:

  • hotel molto pulito ed elegante con camere abbastanza spaziose e bagno privato;
  • personale alla reception gentile e presente h24;
  • hanno un ristorante interno con cucina direi buona per essere in Inghilterra: io sono riuscita a mangiarmi una trota salmonata ai ferri;
  • Wi-Fi ottimo e gratuito.

Punti di debolezza:

  • Anche qui si paga il posteggio a parte: 6 pound al giorno (a noi hanno fatto pagare la stessa cifra per due giorni :D, forse perchè ogni giorno lo sfruttavamo solo per la metà del tempo)
  • non c’è niente intorno al di fuori dell’hotel.
  • la colazione si paga a parte.

 

 

 

 

♠REDLYNCH (1 notte) → HOTEL THE WOODFALLS INN

Punti di forza:

  • è un cottage tipico inglese e il personale gentile, presente h24;
  • bagno pulito così come le lenzuola.

Punti di debolezza:

  • la pulizia è essenziale nelle zone che occorrono maggiormente ma non è fatta di fino;
  • abbiamo dovuto attendere perchè la nostra camera era ancora sfatta dal giorno prima; poi hanno provveduto in 5 minuti, quindi figuriamoci che pulizia profonda possano aver fatto;
  • non ci hanno nemmeno offerto un drink per scusarsi: mancanza di stile;
  • la camera non è molto spaziosa ma per una notte può andare;
  • Wi-Fi: non so cosa dire. A me non andava niente, a mia figlia da dio; in generale comunque quella è una zona dove non sempre prende;
  • non c’è niente oltre l’hotel, quindi si è anche obbligati a cenare lì: nonostante si siano impegnati a fare da mangiare, non era proprio di nostro gradimento per la qualità non eccellente;
  • colazione non inclusa;
  • TIP: se la mattina hai intenzione di partire presto, paga la cena la sera stessa perchè in reception poi non trovi nessuno, ma ti lasciano la porta aperta per uscire.

 

 

 

 

 

♠EASTBOURNE (1 notte) → HOTEL SO EASTBOURNE

Punti di forza:

  • in pieno centro, di fronte al mare e a 10 minuti a piedi dal parcheggio NCP Car Park, dove puoi lasciare l’auto a 5,30 pounds per 24 h (l’hotel non ha parcheggio);
  • personale gentile anche se non di troppe parole;
  • camere molto ampie con bagno privato: pulizia molto buona;
  • dietro l’angolo c’è un ottimo ristorante italiano “Little Italy”;
  • Wi-Fi gratuito e ben funzionante.

Punti di debolezza:

  • non ha parcheggio proprio ma come dicevo ce n’è uno vicino;
  • anche qui al mattino presto non si trova nessuno in reception, ma si può uscire dall’hotel;
  • colazione non inclusa;

 

 

 

 

♠CANTERBURY (1 notte) → HOTEL HOLIDAY INN EXPRESS

Punti di forza:

  • vicino all’autostrada e a circa 15 minuti a piedi dalla fermata dei bus per Canterbury (per trovare la fermata bisogna uscire dall’hotel e andare verso sinistra imboccando la strada laterale all’autostrada. Inoltre guarda bene gli orari perchè la domenica l’ultimo bus da Canterbury è alle 19, mentre in settimana alle 21: fanno un pò pena come orari);
  • personale gentile e disponibile;
  • Wi-Fi gratuito e ben funzionante;
  • colazione a buffet inclusa;
  • camere non molto spaziose ma pulite e confortevoli anch’esse con bagno privato;
  • cena molto buona.

Punti di debolezza:

  • parcheggio a pagamento (3 pound ogni 24h);
  • non c’è ascensore;
  • al di fuori dell’hotel non c’è nulla.

 

 

 

 

 

♠LONDRA (5 notti) → HOTEL MONOPOLE

Punti di forza:

  • situato a Peddington, zona abbastanza centrale, a due passi da Hyde Park e a 5 minuti a piedi dalla stazione della metro “Peddington” che ti porta in centro in circa 20/30 minuti;
  • tutto l’hotel è molto pulito, sia negli spazi comuni che in camera e in bagno: la pulizia non manca ed è giornaliera, se si lascia la camera entro le 10;
  • la colazione è inclusa: burro, marmellata, uova, bacon, tè, caffè, cioccolata. Credo che se tu voglia qualcosa di diverso, lo possa chiedere.
  • rapporto qualità/prezzo ottimo considerando la zona e ciò che ti offre l’hotel;
  • molto ben riscaldato;
  • a cinque minuti a piedi dal supermercato;
  • nessun acconto da lasciare: si prenota tramite mail, poi loro ti danno la conferma e paghi tutto in struttura ma rigorosamente in contanti;
  • Wi-Fi gratuito e ottima linea.

Punti di debolezza:

  • si tratta di una tipica casa londinese, quindi molto stretta, con scale ripide e di conseguenza è tutto molto piccolo, davvero troppo piccolo! Noi in tre con le valigie ci giravamo a malapena, dovevamo scavalcarle ogni volta;
  • bagno pulito per carità, ma a me è rimasta in mano la doccia che si è staccata completamente dal muro, quindi era appesa per miracolo, e non esiste una presa per farsi la barba o i capelli: per questo bisogna andare in camera che non mi pare il massimo;
  • alcune camere hanno i bagni in comune: se vuoi quello privato devi chiederlo nella mail in fase di prenotazione;
  • la persona che ci ha accolto alla reception sembrava avesse un sorriso stampato da prendere per i fondelli: qualunque fosse la situazione, aveva sempre questo sorriso idiota! Ci ha accolti con un caloroso benvenuto:” Pioverà così tutta la settimana!” Da premettere che eravamo fradici, con le valigie in mano e  la pazienza sotto la suola delle scarpe perchè non riuscivamo a trovare l’hotel a causa dell’acqua torrenziale di quel pomeriggio, fortunatamente non dedicato alle visite. Ma vaffa…no? Durante la vacanza più che ciao e arrivederci non ci diceva e non si è nemmeno sbattuto più di tanto quando l’ultimo giorno gli abbiamo detto che avremmo saltato la colazione per mancanza di tempo: “the next time, la prossima volta” ha detto! Anche se per una volta ci preparava la colazione una mezzora prima, non crollava il suo mondo di plastica, o no? Posso capire le grandi catene, ma un posticino a gestione familiare potrebbe anche essere più cortese: gli avrebbe solo giovato!
  • Non ci ha mai chiesto se avessimo bisogno di qualche indicazione per visitare la città, mai chiesto se ci stava piacendo Londra o altro: solo il suo sorrisino! L’unica indicazione per il parco l’abbiamo avuta dal proprietario, credo, che ci ha indicato la strada più corta;
  • gli asciugamani puliti ogni due giorni, e una sola salvietta a testa: un pò pochino una salvietta per corpo e capelli! Dopo due giorni abbiamo dovuto andare ancora noi a richiedere quelle pulite!
  • Armadio stra minimale..troppo minimale!

 

Conclusioni su quest’ultimo hotel: ok che ha prezzi più bassi della media degli hotel in centro Londra, quindi ci si deve un attimo accontentare anche per quanto riguarda la struttura vecchiotta, ok che ci vado solo per dormire quindi non mi interessa avere una reggia, però a volte è stato difficile anche per me che non sono affatto abituata a standard alti o a hotel belli belli! Francamente secondo me questo hotel per una famiglia con dei bimbi grandi o piccoli che siano, non è adatto! Va bene per singoli o coppie che al posto del terzo letto mettono la valigia, altrimenti io lo sconsiglio pur essendo pulito e decoroso! Noi in cinque giorni abbiamo fatto davvero fatica a girarci: è tutto troppo al minimo, colazione a parte! Ti lascio in ogni caso il link al loro sito, così puoi consultare anche le tariffe.

 

 

 

 

 

COSTO TOTALE DEL VIAGGIO (12 giorni)

Circa 1183 Euro per persona

Include:

  • volo Easyjet da Milano Linate su London Gatwick (375 euro in tre + bagaglio stiva 23 kg) In più si può portare un trolley a testa con peso illimitato da tenere in cappelliera;
  • hotel (di cui solo 6 giorni con colazione inclusa – 1131 euro in totale);
  • assicurazione annullamento, bagaglio e sanitaria (192 euro in tre);
  • auto a noleggio da Hertz – Opel Corsa con cambio manuale (489,77 euro x assicurazione totale);
  • attrazioni (quelle che abbiamo scelto noi) 225 Euro in tre;
  • parcheggi (56,22 Euro in totale)
  • sim Vodafone UK (28 euro x 20 giga)
  • Oyster Card (90 euro in tre x 6 giorni d’uso – ragazzi sotto gli 11 anni gratis; da 11 a 15 pagano la metà)
  • Treno Southern da Londra Victoria a Gatwick (37,27 euro in tre)

 

 

 

 

LA MIA OPINIONE

Un viaggio assolutamente affascinante che sarei pronta a rifare in qualsiasi momento: non c’è stato nulla che mi abbia deluso, a parte la cattedrale di Canterbury. Esternamente è un’impalcatura unica purtroppo, quindi non ho potuto ammirarne la bellezza; internamente è bella per carità, ma non mi ha entusiasmato.

 

Ciò che per cui sono rimasta davvero colpita è la luce pazzesca che inonda ogni città o luogo che abbiamo visitato rendendoli speciali, affascinanti e pieni di energia: passando attraverso le Cotswolds, ma anche all’interno di alcune città come Bath e Londra, il verde era molto acceso, quasi accecante, e il color miele di alcune edifici sembrava trasformare in oro tutto ciò che stava attorno, avvolgendo i paesi e le città di una luce calda e rilassante.

 

Londra non è esattamente la città in cui abiterei: troppo caotica per i miei gusti, ma non la si può perdere tra le capitali da visitare! A parte la Londra più famosa, la più classica che conosciamo tutti attraverso le foto, ne esiste una molto più autentica, molto più British negli eccentrici e artistici quartieri di Camden Town, di Shoreditch e Brick Lane che ho amato alla follia!

 

Un viaggio multisensoriale in cui si è colpiti contemporaneamente dal rumore del traffico esagerato di Londra, dalla pace dei luoghi di campagna, dalla bellezza delle scogliere a picco sul mare, dai profumi inebrianti dei mercati, dall’eccentricità dell’arte in tutte le sue forme, dall’allegria della musica e degli spettacoli degli artisti di strada e dallo stupore che alcuni luoghi suscitano, pur se già molto noti.

 

Anche la comunità locale l’ho trovata elegante e ricca di stile: è’ raro trovare gente che ti suona il clacson appena hai qualche difficoltà (come invece accade spesso in Italia): ho trovato sempre persone molto gentili e comprensive ovunque, perciò non farti condizionare dal grigiore inglese o dal tempo non sempre ottimale per la scelta del tuo viaggio, perchè come vedi questo piccolo difetto viene sempre perfettamente compensato!

 

 

 

 

 

GRAZIE PER AVER LETTO FIN QUI: come mi puoi aiutare?

Il massimo per me, se hai tempo, sarebbe che tu scrivessi due parole su come hai trovato l’articolo lasciando la tua stellina. Trovi il pulsante[CREATE YOUR OWN REVIEW] a fondo pagina.

Puoi anche in alternativa lasciarmi solo un commento qui sotto il post, un like sui social o condividere questo articolo in modo che possa girare ed essere utile a più persone.

 

SE HAI BISOGNO DI PIU’ INFORMAZIONI SCRIVIMI: info@sometimesaway.com

SE VUOI SAPERE DI PIU’ SU DI ME: clicca qui

DICONO DI ME

PER NAVIGARE IL BLOG E SEGUIRLO TRAMITE MAIL: clicca le tre striscette in alto a sinistra di questo articolo, come mostra la foto qui sotto: vedrai tutte le categorie, gli itinerari e le informazioni generali sul blog.

 

 

 

IL SIGNIFICATO DEL VIAGGIO PER ME

In questi ultimi anni tengo fede ad una delle massime del Dalai Lama:” Almeno una volta all’anno vai in un posto dove non sei mai stato prima”.
Dopo anni di rinunce e di infelicità, ho deciso che la vita è troppo breve e troppo imprevedibile per continuare ad aspettare per fare quello che mi piace e che mi rende felice.

Ciò che rende felice me oggi è poter esplorare il mondo in cui vivo, fotografarlo nel suo complesso ma anche nei suoi dettagli, filmarlo per trattenere quelle emozioni sottili che altrimenti finirei per dimenticarmi, e alla fine condividere con te tutto ciò che ho visto e provato attraverso i miei articoli.

Viaggiare è per me Amore – Libertà – Gratitudine

 

 

Submit your review
1
2
3
4
5
Submit
     
Cancel

Create your own review

Sometimes Away by Chiara
Average rating:  
 2 reviews
by Francesca on Sometimes Away by Chiara

Ciao! Complimenti! Articolo molto utile, bel strutturato, ricco di informazioni. Andremo a Londra (6 giorni) a settembre. Una domanda: vorremmo dedicare una giornata ad una meta fuori Londra, da raggiungere in treno, quale consigli tra quelle visitate da voi? Grazie
Ps mi portero' dietro il tuo articolo ;)

Grazie Francesca, felice che l'articolo ti sia stato utile. Tra le mete da noi visitate, per una gita fuori Londra col treno ti consiglio sicuramente Oxford: c'è davvero tantissimo da visitare, nonostante non sia una metropoli. Cittadina molto elegante e ricca di storia!

by Oselation on Sometimes Away by Chiara
Interessante e utile

Chaiara mi è piaciuto tanto il tuo post ce ne sono i consigli molto utili. Ho viaggiato spesso in Inghilterra e in Italia quindi ho riso leggendo ‘personale gentile anche se non di troppe parole’. Anche se l'inglese sia la mia prima lingua, e viaggiare nei paesi anglofone facilissimo per me, dal momento che ho iniziato studiare italiano scelgo viaggi in Italia per fare le chiacchierate con gli italiani, ve ne fate volentieri e adoro questo, una domanda per le direzioni diventa spesso una conversazione di mezz'ora. Ho appena iniziato scrivere il mio Blog leggilo se avesse voglia. Incidentalmente ho scritto un post sull’Inghilterra e un sull’Italia.

💕🤗 Grazie, sono contenta che ti sia piaciuto il post e gli italiani con le loro chiacchiere 😁hai ragione, sai?

2 commenti su “VIAGGIO IN INGHILTERRA DEL SUD:
ecco come risparmiare e come abbiamo organizzato il nostro itinerario

  1. Ne esistono tantissimi modi per contenere i costi, anche (o soprattutto) se si viaggia in famiglia. Il primo è, senza dubbio, provare a uscire da Londra, città molto costosa anche per un inglese comune. Ci sono certe zone, meravigliose dal punto di vista del paesaggio, dove si vive tranquillamente con una ventina di euro a testa (dormire escluso, ovviamente). Voi avevate un itinerario molto lungo da fare: viaggiare con i mezzi pubblici non sarebbe stato ottimale ma quello è un modo pazzesco per risparmiare (e per me, non guidare a sinistra). Posso chiederti una cosa: come mai hai preso la sim UK? Non c’è roaming in GB.

    1. Ciao Giovy, grazie per il tuo commento. Hai ragione, mi sono spiegata male io: volevo dire che in generale non ho il roaming, e in Inghilterra qs anno, come anche in Portogallo l’anno scorso, nonostante siano paesi europei, nessuno di noi è riuscito ad usare i propri dati mobili….causa sconosciuta, ma proprio non funzionavano! Così abbiamo dovuto acquistare una sim Vodafone UK.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *