COSA VEDERE A LISBONA:
itinerario a piedi tra Chiado, Bairro Alto e Baixa

Lisbona cosa vedere

 

 

 

 

COSA VEDERE A LISBONA: ITINERARIO A PIEDI TRA I QUARTIERI CHIADO, BAIRRO ALTO E BAIXA

Ecco cosa vedere a Lisbona attraverso un  itinerario a piedi passando per i suoi più importanti quartieri centrali: se hai un buon passo impiegherai circa tre quarti di giornata, se invece te la vuoi prendere più con calma anche tutta la giornata. Noi? La prima ovviamente :D, anche perchè eravamo curiosissimi di andare a sbirciare nel famoso quartiere Lx Factory prima di sera.

Lisbona il nostro itinerario
Lisbona – il nostro itinerario a piedi

 

 

FORSE TI POTREBBE INTERESSARE: IL NOSTRO ITINERARIO ON THE ROAD DA OPORTO A LISBONA CON TUTTE LE NOSTRE INFO UTILI

 

 

COSA VEDERE A LISBONA: ITINERARIO A PIEDI

Il nostro tour, consigliato da Lilly, un’italiana che vive a Lisbona, è iniziato esattamente da Praca dom Pedro IV (vicino alla stazione Rossio): attraverso Rua do Carmo prima, e Rua Garret poi, abbiamo raggiunto Largo do Chiado dove tutti fanno la fila per farsi fotografare seduti in compagnia di Pessoa al tavolino della “Brasileira”, la caffetteria più famosa di Lisbona. Scendendo le scale di fronte alla statua, trovi uno di fronte all’altro il Teatro Nazionale Sao Carlos e la casa in cui è nato il poeta, al civico n° 4.

cosa vedere a Lisbona
Lisbona – Largo do Chiado

 

 

Abbiamo poi raggiunto Praca Camoes: un poco prima a destra si trova la chiesa degli italiani o Chiesa del Loreto che esternamente non dice gran chè, ma all’interno è davvero strepitosa, così come la chiesa che si trova invece alla sinistra, sempre un poco prima della piazza, “Chiesa di Encarnacao” che purtroppo noi non abbiamo visitato senza ricordare il perchè.

Lisbona cosa vedere
Lisbona – Chiesa del Loreto

 

 

 

Dunque attraverso Rua do Loreto, finalmente siamo riusciti ad immortalare uno dei numerosi simboli della città: l’Elevador da Bica, definita anche la funicolare artistica grazie  alle sue pittoresche decorazioni per le quali viene anche molto spesso fotografata. Sale e scende lungo scoscesi pendii passando tra botteghe e case antiche di Lisbona.

Lisbona cosa vedere
Lisbona – Elevador da Bica
Lisbona cosa vedere
Lisbona – Elevador da Bica

 

 

 

Abbiamo proseguito poi dritti ancora per un pò fino a svoltare in Rua do Seculo, suggeritaci sempre da Lilly, per addentrarci in un quartiere storico e fuori dai circuiti turistici. In questa zona si trova il Convento dos Cardaes, un edificio unico e meraviglioso, avente internamente pareti ricoperte da azulejos, le classiche piastrelle decorate. Il costo di entrata è di 5 Euro. Anche in questo caso a malincuore, abbiamo dovuto rinunciare a visitarlo perchè è aperto solo il pomeriggio dalle 14.30 alle 17.30 dal lunedì al sabato, mentre noi siamo arrivati di mattina. Siccome è molto consigliata una visita qui, ti direi di organizzarti con gli orari, in modo tale da trovarti nei paraggi al giusto orario.

Proseguendo ancora dritti per un altro pò, si giunge ai giardini Principe Real: il parco è bello ampio, e se c’è bel tempo ci si può fermare per una pausa snack o per un pranzo al sacco. Il quartiere è un pò strano: proprio al centro della piazza abbiamo trovate le singolari riproduzioni delle scatole e delle scarpe VANS. In effetti guardandoci un pò attorno, abbiamo capito di essere finiti nel quartiere degli atelier di famosi artisti e stilisti!

Lisbona cosa vedere
Lisbona – Giardini Principe Real
Lisbona cosa vedere
Lisbona – Quartiere degli artisti

 

 

 

Da qui abbiamo ripreso la strada per il ritorno attraverso Rua Dom Pedro V per giungere in uno dei punti panoramici più belli in città: il Miradouro di Sao Pedro de Alcantara. Peccato che quando siamo andati noi stavano facendo dei lavori, così ho qualche foto con le gru in mezzo!

Lisbona cosa vedere
Lisbona – Miradouro de Sao Pedro de Alcantara

 

 

 

Dal Miradouro scendiamo di nuovo fino a raggiungere la Chiesa di Sao Roque in Largo Trinidade Coelho: ci troviamo in zona Bairro Alto. La chiesa è stata realizzata per mano dell’artista italiano Filippo Terzi e restaurata dopo il terremoto. L’interno è un trionfo del Barocco con marmo, legno ad azulejos, ma la vera opera d’arte è la cappella di Sao Joao Baptista, capolavoro del Vanvitelli, realizzata a Roma e trasportata successivamente a Lisbona dal re Joao V. E’ ricca di decorazioni musive, lapislazzuli e alabastro.  Annesso alla chiesa si può visitare un museo che ospita oggetti e paramenti sacri.

Aperta da martedì a domenica dalle 9:00 alle 17:00

Lisbona cosa vedere
Lisbona – Chiesa di Sao Roque
Lisbona cosa vedere
Lisbona – Cappella di Sao Joao Baptista

 

 

 

A questo punto del tour ci siamo concessi un pò di riposo per pranzare, di nuovo secondo il suggerimento di Lilly, in un’ antica birreria dei monaci: “Cervejaria Trinidade”. Oggi è un locale delizioso ricco di archi, tavoli in legno e azulejos colorati alle pareti. La prima zona del locale, appena entrati, è destinata ai pranzi più veloci, come birra e panini squisiti, a prezzi davvero convenienti: noi abbiamo speso 11 Euro in due, ordinando 2 birre piccole e due hamburger deliziosi imbottiti con qualcosa che ora non ricordo. La seconda zona è adibita a ristorante, penso alla carta, dove i prezzi ovviamente lievitano. Anche se non decidi di fermarti qui per pranzo, il locale è talmente bello che merita comunque di essere visto e fotografato: meglio arrivare non più tardi delle 12:30 altrimenti poi si riempie.

Lisbona cosa vedere
Lisbona – Cervejaria Trinidade
Lisbona cosa vedere
Lisbona – Cervejaria Trinidade
Lisbona cosa vedere
Lisbona – Cervejaria Trinidade

 

 

 

Soddisfatti del pranzo, riprendiamo la nostra discesa fino a raggiungere Bordalo Pinheiro dove anche noi non abbiamo mancato di immortalare una delle case più fotografate: “Ferreira das Tabuletas” con la sua splendida facciata di azulejos e arricchita con figure allegoriche che rappresentano i quattro elementi e le stagioni; di fronte il colorato teatro rosa “Teatro da Trinidade”.

Lisbona cosa vedere
Lisbona – Ferreira das Tabuletas
Lisbona cosa vedere
Lisbona – Teatro da Trinidade

 

 

 

La tappa successiva è stata la mia preferita, quella che mi è rimasta di più nel cuore: il suggestivo Convento do Carmo in Largo do Carmo. Un tempo era la chiesa gotica più maestosa di Lisbona, anch’essa però distrutta dal terremoto del 1755. Si salvò solo ciò che si vede oggi: le tre navate senza tetto, a cielo aperto. Alzando lo sguardo, esistono solo archi sospesi nel cielo: credo si debba proprio a questo colpo d’occhio il grande fascino del Convento do Carmo! All’interno si trova il Museo Archeologico che racconta la storia di Lisbona dalla Preistoria al Medioevo

Orari: da lunedì a sabato dalle 10:00 alle 18:00 / 19:00 in base alla stagione

Prezzo: 4 Euro; gratis fino a 14 anni. Questa attrazione è inclusa nella Lisboa Card: con questa carta pagherai l’entrata scontata, cioè E. 3,20

Lisbona cosa vedere
Lisbona – Convento do Carmo
Lisbona cosa vedere
Lisbona – Convento do Carmo
Lisbona cosa vedere
Lisbona – Convento do Carmo

 

 

 

La grande sorpresa per noi  è stata scoprire che di fianco al convento c’era il capolinea dell‘Elevador de Santa Justa! Ebbene sì, senza fare code immani, ci siamo ritrovati sulla lingua di ferro che collega le rovine della chiesa alla Baixa. In foto a me non sembrava un bellissimo ascensore, da vicino invece ci si accorge di essere davanti ad un grande capolavoro realizzato da un allievo di Eiffel che volle costruire qualcosa di simile alla torre francese nella sua città. Mentre però la Torre Eiffel ha un valore puramente decorativo, l’Elevador ne possiede anche uno funzionale, cioè quello di eliminare la salita dalla Baixa, che però sinceramente non ritengo così faticosa ed è fattibilissima anche a piedi! Appena fuori dall’ascensore ci sono tavolini dove puoi prendere qualcosa da bere ammirando il panorama su Lisbona. Già dal camminamento in ferro si può avere una bella visuale sulla città, ma per averne una a 360° e senza grate in ferro, devi salire in terrazza attraverso una piccola scala a chiocciola: ti posso assicurare che la vista da lassù è impagabile, forse la più bella di Lisbona, dopo quella dal castello di Sao Jorge in Alfama. I tetti rossi delle case, le loro tinte pastello, la luce che arriva dall’oceano rischiarando ogni cosa e le altezze vertiginose, hanno lasciato nella mia mente un ricordo indelebile!

Lisbona cosa vedere
Lisbona – Elevador de Santa Justa
Lisbona cosa vedere
Lisbona – Elevador de Santa Justa
Lisbona cosa vedere
Lisbona
Lisbona cosa vedere
Lisbona
Lisbona cosa vedere
Lisbona
Lisbona cosa vedere
Lisbona – Praca Dom Pedro IV dall’alto
Lisbona
Lisbona

 

La nota stonata: il biglietto per salire su questo Elevador costa per i turisti E. 2,80, mentre se hai la Viva Viagem h24, è già incluso nelle 6,30 Euro giornaliere. Con questo pagamento arrivi però solo alla passerella di ferro, mentre per salire alla terrazza di cui ti parlavo prima, devi pagare ulteriormente, se non ricordo male Euro 1, 50 a testa (prezzi 2018). E’ un’assurdità, lo so! Però almeno ti dico che ne vale proprio la pena: se non avessi la Viva Viagem ti direi di farla a piedi per raggiungere il primo pezzo, e con il denaro risparmiato per l’Elevador, sali in terrazza!

Un trucchetto: se non hai la Viva Viagem, e non hai voglia di fartela a piedi, sappi che c’è un altro ascensore in Rua do Carmo, la via sopra il Santa Justa (in pratica vedresti il Santa Justa dal dietro). C’è un negozio “Ale Hop” al cui interno c’è un ascensore che ti fa salire fino al retro del Carmo: ho visto che lo prendeva la gente del posto, solo che devi saperlo!

MAGGIORI INFO SULLA VIVA VIAGEM QUI

 

 

Eccoci ritornati al punto di partenza, in Praca Dom Pedro IV, nota anche come Praca Rossio per la sua vicinanza alla stazione: a me ha colpito molto la particolare pavimentazione striata a onde che sembra dare un movimento oscillatorio alla piazza.  Praca dom Pedro è sempre stata la piazza del popolo e anche oggi rappresenta il cuore popolare della Baixa di Lisbona. Il terremoto del 1755 non la risparmiò, così come non risparmiò i palazzi circostanti che vennero poi ricostruiti in quelli che vediamo oggi, nello stile pombalino, dal nome del Primo Ministro ai tempi della ricostruzione. Il palazzo più importante della Piazza è il Teatro Nacional Dona Maria con un portico a colonne, mentre al centro c’è la statua di Dom Pedro IV, uno dei re del Portogallo, alta 27 metri, e le fontane barocche con le sirene in bronzo. Proprio da questa piazza, alzando lo sguardo verso l’alto, sono rimasta ad ammirare la sagoma del Convento Do Carmo: uno spettacolo! 

Lisbona cosa vedere
Lisbona – Praca Rossio
Lisbona cosa vedere
Lisbona – stazione di Rossio

 

 

 

Infine da Praca Rossio ci siamo diretti verso la famosa Praca do Comercio attraverso la lunghissima Rua Augusta che termina con l’Arco Augusto.  Esso è stato realizzato sul modello dei grandi archi di trionfo romani e decorato con diverse effigi, tra le quali la figura di Pombal, e dà accesso alla grandiosa e quadrata Praca do Comercio, un lato della quale aperto sul fiume Tejo (Tago).

La piazza del Commercio è una delle più belle e maestose di Lisbona, oltre ad essere una delle più grandi d’Europa, sui cui si affacciano eleganti uffici amministrativi di epoca coloniale, parzialmente porticati. Nei giorni di sole gli edifici presentano dei colori davvero sgargianti che fanno da contrasto col blu del cielo conferendo alla piazza, insieme alla luce che arriva dal fiume, un senso di apertura, di respiro, di libertà! Al centro di essa il complesso scultoreo in bronzo dedicato al re Josè I, per opera di uno dei più celebri artisti dell’epoca: Machado.

Anche in questa piazza trovi posticini in cui mangiare qualcosa di veloce e rilassarti sotto il caldo sole di Lisbona: noi abbiamo testato il “Paco d’Agua” per mangiare un maxi toast (diviso in due perchè era enorme) e bere due birre per circa 12 Euro, ma offrono anche hamburger, crepes e insalatone. Il cibo è stato ottimo ma la cordialità non è il loro forte e il servizio piuttosto lento.

Lisbona cosa vedere
Lisbona – Rua Augusta
Lisbona cosa vedere
Lisbona – Praca do Comercio
Lisbona cosa vedere
Lisbona – Praca do Comercio

 

COSA DEVI ASSOLUTAMENTE ASSAGGIARE IN QUESTA ZONA:

Lungo la Rua Augusta trovi ristoranti, bar, e locali dove puoi assaggiare i famosissimi Pastel de Nata o il Pastel de Bacalau, baccalà fritto: sono la fine del mondo! Il primo è una pasta sfoglia ripiena di crema calda che puoi assaggiare alla Fabbrica de Nata, dove puoi assistere anche al processo di lavorazione del dolce. Il secondo è una frittura di baccalà per niente pesante e molto croccante che puoi acquistare in un antico e storico locale di questa via centrale, Casa Portuguesa Pastel de Bachalau, preparato secondo la ricetta tradizionale del 1904: non puoi lasciare Lisbona senza aver assaggiato almeno uno dei due!

 

 

 

Verso le 18 abbiamo aggiunto ancora un’attrazione perchè ci tenevamo tantissimo, nonostante fossimo già abbastanza stanchi. Da Praca do Comercio in 15 minuti di tram (E15) siamo arrivati alla singolare Lx Factory, un quartiere creativo ed eccentrico nel cuore della città. Qui sotto trovi tutte le info utili per Lx Factory e la nostra visita.

LX FACTORY – LISBONA: un’isola creativa nel cuore della città da visitare anche con bambini

 

 

 

 

 

GRAZIE PER AVER LETTO FIN QUI: come mi puoi aiutare?

Il massimo per me, se hai tempo, sarebbe che tu scrivessi due parole su come hai trovato l’articolo lasciando la tua stellina. Trovi il pulsante[CREATE YOUR OWN REVIEW] a fondo pagina.

Puoi anche in alternativa lasciarmi solo un commento qui sotto il post, un like sui social o condividere questo articolo in modo che possa girare ed essere utile a più persone.

 

SE HAI BISOGNO DI PIU’ INFORMAZIONI SCRIVIMI: info@sometimesaway.com

SE VUOI SAPERE DI PIU’ SU DI ME: clicca qui

DICONO DI ME

PER NAVIGARE IL BLOG E SEGUIRLO TRAMITE MAIL: clicca le tre striscette in alto a sinistra di questo articolo, come mostra la foto qui sotto: vedrai tutte le categorie, gli itinerari e le informazioni generali sul blog.

 

 

 

IL SIGNIFICATO DEL VIAGGIO PER ME

In questi ultimi anni tengo fede ad una delle massime del Dalai Lama:” Almeno una volta all’anno vai in un posto dove non sei mai stato prima”.
Dopo anni di rinunce e di infelicità, ho deciso che la vita è troppo breve e troppo imprevedibile per continuare ad aspettare per fare quello che mi piace e che mi rende felice.

Ciò che rende felice me oggi è poter esplorare il mondo in cui vivo, fotografarlo nel suo complesso ma anche nei suoi dettagli, filmarlo per trattenere quelle emozioni sottili che altrimenti finirei per dimenticarmi, e alla fine condividere con te tutto ciò che ho visto e provato attraverso i miei articoli.

Viaggiare è per me Amore – Libertà – Gratitudine

 

 

Submit your review
1
2
3
4
5
Submit
     
Cancel

Create your own review

Sometimes Away by Chiara
Average rating:  
 1 reviews
by Gabriella on Sometimes Away by Chiara
Molto interessante

Sono stata a Lisbona ma non ho ancora visto tutto e nel tuo articolo ho trovato molti spunti spunti interessanti.

Ciao Gabriella, sono contenta di poterti dare qualche spunto nuovo, magari per la prossima volta 😉 grazie mille per la tua recensione!

 

 

2 commenti su “COSA VEDERE A LISBONA:
itinerario a piedi tra Chiado, Bairro Alto e Baixa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *