CASTELLO DI AGLIE’:
la nostra visita con bambina al castello delle favole in Piemonte e al Meleto

 

 

Il Castello di Agliè vicino a Torino (30 km) è semplicemente bellissimo, in grado di far sentire le bambine delle vere principesse: Giada è rimasta stupefatta dalle enormi sale, dai colori e dalle stanze ancora completamente arredate come un tempo.

 

 

Pensare che questo castello è stato solo un fortilizio nel Medioevo, poi ha subìto diverse trasformazioni finchè i Savoia lo acquistarono facendolo diventare tenuta reale dal 1750 circa. E’ a Carlo felice, ultimo re dei Savoia, che si deve l’aspetto che vediamo oggi; in particolar modo sua moglie Maria Cristina di Borbone si è occupata di arredare gli interni e ridare così valore al castello. I due coniugi erano amanti dell’arte e con le loro collezioni private, hanno trasformato la loro dimora estiva in una casa-museo: i dipinti appesi alle pareti ripropongono alcuni avvenimenti di Casa Savoia e ci sono anche numerose statue di età romana.

 

Una chicchetta di questo palazzo è la presenza di un piccolo teatrino con una capacità di soli 40 posti: i Savoia non avevano nemmeno bisogno di andare a teatro! E’ tutto in legno e testimonia la passione di re Carlo per l’arte drammatica.

 

Siamo rimasti in particolare colpiti dalla Sala Cinese, forse perchè amiamo l’ Oriente, dove addirittura tra i vari oggetti, abbiamo trovato la carrozzina con cui veniva portato a spasso Vittorio Emanuele.

 

La Sala Tuscolana viene così chiamata perchè re Carlo ha raccolto proprio qui tutti i reperti trovati durante gli scavi di Villa Tuscolana di proprietà della sorella: le statue risalgono al II sec. d.C.

 

Ciò che ci ha anche colpiti sono i colori delle sale e delle camere: ognuna ha un colore diverso (blu, rosa, giallo) così come le gallerie (gialla e verde) quest’ultime concepite per esporre le statue e i dipinti.

 

Per finire la parte in assoluto per noi più bella: la Sala da Ballo. Qui siamo entrati in un’atmosfera magica in cui ci sembrava di rivivere gli antichi balli di corte con dame e cavalieri che di solito vediamo proiettati solo in tv o che un tempo ci venivano raccontati nelle fiabe. Il soffitto di questa stanza è un affresco unico che lascia sbalorditi; tutto è reale, fiabesco, di una bellezza antica e ferma nel tempo! La sala dà su un ampio giardino.

 

Inoltre una bellissima oltre che fornitissima biblioteca del re, completamente in legno.

 

UNA CURIOSITA’: questo castello è lo stesso in cui è stato girato il film di “Elisa di Rivombrosa”: eh sì, proprio lui! Solo che per vedere la parte che veniva ripresa in tv, in poche parole l’ingresso del castello, devi proprio uscire dal complesso dove hai effettuato la visita, e scendere verso destra lungo la strada: devi proprio andarci apposta se no non la vedi! Il tutto è comunque dietro una cancellata di ferro, dunque non si può entrare.

 

INFORMAZIONI UTILI

  • La visita a questo castello è guidata e occorre circa un’oretta, mentre per il posteggio se arrivi in auto, lo puoi trovare tranquillamente davanti al complesso: prima di entrare noi abbiamo approfittato per una veloce visita al piccolo paese.

Ingresso: 

Castello 4,00 Euro
Ridotto 2,00 Euro per i ragazzi dai 18 ai 25 anni

Appartamento del Re 2,00 Euro
Ridotto 1,00 Euro per i ragazzi dai 18 ai 25 anni
(Visitabile dal 1 ottobre al 31 maggio)

Cucine 4,00 Euro
Ridotto 2,00 Euro per i ragazzi dai 18 ai 25 anni
(Visitabili dal 1 giugno al 30 settembre)

Giardino e parco 3,00 Euro
Ridotto 1,50 Euro per i ragazzi dai 18 ai 25 anni

Giardino 2,00 Euro
Ridotto 1,00 Euro per i ragazzi dai 18 ai 25 anni

Ingresso gratuito la prima domenica del mese, per i minori di 18 anni, per i disabili, per le scuole, gli studenti universitari e i giornalisti muniti di tesserino.

Giorni e orario apertura: Martedì-Domenica 8.30-19.30.  Chiusura settimanale: Lunedì. Orario biglietteria: Martedì-Domenica 8.30-18.00. Prenotazione: Nessuna
Comune: Agliè
Indirizzo: piazza Castello, 1 (TO)
Telefono: +39 0124 330102
Fax: +39 0124 330279
Email: pm-pie.aglie@beniculturali.it
Email certificata: mbac-pm-pie.aglie@mailcert.beniculturali.it
Sito web: http://polomusealepiemonte.beniculturali.it/index.php/musei-e-luoghi-della-cultura/castello-di-aglie/

Le visite si svolgono in gruppi di max 25 persone accompagnate dal personale del Castello
Orari di partenza dei gruppi: 9.00, 10.00, 11.00, 12.00, 14.00, 15.00, 16.00, 17.00, 18.00

 

  • Se hai tempo, ti consiglio vivamente dopo la visita al castello, di raggiungere il “Meleto”, la residenza estiva del poeta torinese Guido Gozzano: è una villa ottocentesca immersa  totalmente nel verde in stile Liberty francese. All’interno non si possono fare foto (tranne col tablet, ma giusto una o due) ma è molto bella e ne vale davvero la pena, anche se meno nota delle residenza reale! All’esterno è circondata da un delizioso giardino. E’ aperta tutto l’anno da martedì a giovedì dalle 10.00 alle 12.30 e il pomeriggio dalle 15 alle 19.  Le visite sono guidate e l’ingresso è di 5 Euro.

 

 

 

 

 

GRAZIE PER AVER LETTO FIN QUI: come mi puoi aiutare?

Il massimo per me, se hai tempo, sarebbe che tu scrivessi due parole su come hai trovato l’articolo lasciando la tua stellina. Trovi il pulsante[CREATE YOUR OWN REVIEW] a fondo pagina.

Puoi anche in alternativa lasciarmi solo un commento qui sotto il post, un like sui social o condividere questo articolo in modo che possa girare ed essere utile a più persone.

 

SE HAI BISOGNO DI PIU’ INFORMAZIONI SCRIVIMI: info@sometimesaway.com

SE VUOI SAPERE DI PIU’ SU DI ME: clicca qui

DICONO DI ME

PER NAVIGARE IL BLOG E SEGUIRLO TRAMITE MAIL: clicca le tre striscette in alto a sinistra di questo articolo, come mostra la foto qui sotto: vedrai tutte le categorie, gli itinerari e le informazioni generali sul blog.

 

 

 

IL SIGNIFICATO DEL VIAGGIO PER ME

In questi ultimi anni tengo fede ad una delle massime del Dalai Lama:” Almeno una volta all’anno vai in un posto dove non sei mai stato prima”.
Dopo anni di rinunce e di infelicità, ho deciso che la vita è troppo breve e troppo imprevedibile per continuare ad aspettare per fare quello che mi piace e che mi rende felice.

Ciò che rende felice me oggi è poter esplorare il mondo in cui vivo, fotografarlo nel suo complesso ma anche nei suoi dettagli, filmarlo per trattenere quelle emozioni sottili che altrimenti finirei per dimenticarmi, e alla fine condividere con te tutto ciò che ho visto e provato attraverso i miei articoli.

Viaggiare è per me Amore – Libertà – Gratitudine

 

 

Submit your review
1
2
3
4
5
Submit
     
Cancel

Create your own review

Sometimes Away by Chiara
Average rating:  
 0 reviews

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *