RABAT MAROCCO: cosa vedere in mezza giornata nella terza città imperiale

 

 

 

RABAT MAROCCO: COSA VEDERE IN MEZZA GIORNATA

Rabat, capitale del Marocco e sede del governo, si trova sulla costa atlantica a circa 90 km da Casablanca e rappresenta un eccitante mix di architettura moderna e antica, in cui il vecchio e il nuovo sono più integrati e intrecciati che in gran parte delle città marocchine.
Il ritmo della vita sembra più lento a Rabat che altrove in Marocco, ma la situazione non è sempre stata così tranquilla: ha una lunga storia di invasioni e ha vissuto un periodo in cui i pirati governavano le città e anche i mari intorno alle sue coste.
Rabat è anche famosa per gli imponenti bastioni medievali che ancora oggi dominano il panorama, snodandosi per 5 km intorno alla kasbah, alla medina e alla città nuova. Essi sono interrotti da cinque enormi porte ornamentali conosciute come bab. Verso sud rispetto al centro di Rabat si trova la necropoli di Chellah, sul sito originario della città.

 

 

QUANTO TEMPO?

La nostra visita a questa bellissima e ricca città imperiale è durata a piedi circa una mezza giornata, dopo aver visitato Casablanca in mattinata.

 

DOVE ABBIAMO ALLOGGIATO

HOTEL RIHAB RABAT: nel quartiere Hassan – Av. Moulay Ismail, 45

 

 

Il nostro itinerario a piedi di Rabat in breve:

✔Palazzo Reale;
✔Moschea incompiuta;
✔Mausoleo Mohammed V;
✔Kasbah e Bab Oudaia;
✔Giardini Andalusi;
✔medina.

 

PALAZZO REALE

All’interno delle mura cittadine si trova il Palazzo Reale, un imponente insieme di edifici, eretti alla fine del XVIII secolo, ma pesantemente rimodellati da re Hassan II; oggi è più che altro un luogo di lavoro. Il palazzo è la sede del governo e la residenza ufficiale di re Mohamed VI e della sua famiglia, dunque chiuso ai visitatori, anche se si può osservare dall’esterno.

Rabat Marocco cosa vedere
Rabat – Palazzo Reale

 

 

MOSCHEA INCOMPIUTA

Tuttavia il monumento più conosciuto in città è la famosa Moschea incompiuta di Rabat.
Per essa fu costruita la Torre di Hassan, un minareto costruito con arenaria rossa, decorato in modo splendido con archi traforati, che rientrò nel grandioso programma di costruzioni voluto dal sultano Yacoub el Mansour, fondatore della dinastia Almohade che governò nel XII secolo.
Egli voleva costruire una moschea così grandiosa da passare alla storia: considerava Rabat come il centro del suo impero e voleva una moschea che si addicesse alla grandiosità di una capitale.
Venne progettata dall’architetto marocchino Jabir, lo stesso che aveva disegnato la moschea Koutoubia a Marrakech. Purtroppo però il sultano morì prima che gran parte del lavoro fosse completato.
La torre che vediamo oggi è la metà inferiore del minareto progettato che presenta comunque una struttura imponente: è alto 44m e attualmente è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità UNESCO.
Un altro elemento significativo del sito è l’insieme di 200 colonne raccolte intorno alla base della torre, l’unica parte della monumentale moschea a essere stata realizzata e che insieme al minareto costituisce una vista spettacolare.

Rabat Marocco cosa vedere
Rabat – moschea
Rabat Marocco cosa vedere
Rabat – minareto
Rabat Marocco cosa vedere
Rabat

 

 

 

 

MAUSOLEO MOHAMMED V

Oltre la moschea si trova il Mausoleo di Mohamed V aggiunto al sito nel 1961 e commissionato alla morte di re Mohamed V, il primo re dello Stato moderno del Marocco.
Questa imponente struttura ospita il suo sarcofago di onice bianca e quelli dei suoi figli, il re Hassan II e il principe Moulay Abdullah.
L’edificio fu disegnato dall’architetto vietnamita Vo Toan che, con l’aiuto di 400 artigiani del posto, ne iniziò la costruzione usando il marmo bianco italiano e l’onice proveniente dalle montagne dall’Afghanistan.
Il mausoleo si erge maestoso simile ad un bagliore accecante in cima ad una piattaforma. Le scale conducono ad una serie di terrazzamenti che circondano il padiglione centrale.
L’interno è decorato con granito, marmo e onice, mentre i muri con scritti calligrafici marocchini, incisioni ornamentali e piastrelle a mosaico zeliij. Attraverso una serie di colonne di marmo, uno degli elementi più particolari dell’edificio, le guardie possono raggiungere le porte del mausoleo, che rimane una delle attrattive più popolari di Rabat.

Rabat Marocco cosa vedere
Rabat – mausoleo
Rabat Marocco cosa vedere
Rabat – mausoleo
Rabat Marocco cosa vedere
Rabat – mausoleo
Rabat Marocco cosa vedere
Rabat – mausoleo

 

 

 

KASBAH E BAB OUDAIA

La kasbah Oudaia, il cui esterno si presenta come una muraglia di argilla compressa costruita nel XVII secolo, con i suoi imponenti bastioni color miele e le torri di guardia che dominano l’orizzonte, è posizionata sulla collina che da una parte si affaccia sulle rive del fiume Oued Bou Regreg e dall’altra sull’oceano; è una delle più belle e pittoresche del Marocco.

Rabat Marocco cosa vedere
Rabat

 

La kasbah prende il nome dagli Oudaia, una tribù araba che qui si stabilì ed è diversa dalle altre kasbah in Marocco perchè non è semplicemente una fortezza o un palazzo, ma una piccola cittadella fortificata, una medina nella medina, con tanto di moschee, souk e musei.

Rabat Marocco cosa vedere
Rabat- kasbah

 

Si entra dalla Bab Oudaia, un’imponente porta color ocra interamente scolpita, costruita nel XII secolo; e la presenza delle due grandi torri evidenziano lo scopo difensivo della kasbah.

Rabat Marocco cosa vedere
Rabat – Bab Oudaia

 

La città all’interno di queste mura è caratterizzata da stradine residenziali intonacate a calce in azzurro e bianco, così come le facciate degli edifici che contribuiscono a creare un’atmosfera molto mediterranea.

 

Al centro si trova la Moschea El Atika, moschea vecchia, per secoli il principale luogo di culto della città.  Altri punti importanti sono la “Plateforme du Sémaphore”, una torre di guardia usata per fare segnalazioni e comunicare con le navi dei pirati.
Da questo belvedere la vista su Rabat, la vicina Salè e l’incontro del fiume Oued Bou Regreg con l’oceano ci regalano una vista da togliere il fiato.

Rabat Marocco cosa vedere
Rabat
Rabat Marocco cosa vedere
Rabat

 

Sempre dentro le mura, accanto al palazzo, ci sono i meravigliosi “Giardini Andalusi” in stile moresco, tranquillo rifugio dal traffico cittadino.

Rabat Marocco cosa vedere
Rabat – giardini andalusi

 

 

 

LA MEDINA

La medina di Rabat rappresenta la parte antica della città risalente al XVII secolo. Rispetto alle altre medine del Marocco, quella di Rabat, con le strade più larghe del normale e le case rinnovate di recente, ha un’atmosfera più moderna ma sicuramente più rilassante e silenziosa.
Le vie sono piene di bancarelle che vendono spezie, torte, tappeti, gioielli, oggetti di artigianato e tessuti colorati; sempre piene di gente a qualsiasi ora del giorno. Bellissimo il signore che vende i giornali: praticamente ci vive in mezzo, in un posto così minuscolo che non so nemmeno come faccia a starci!
A inizio serata ci siamo presi coraggio per assaggiare una bibita che si ottiene della canna da zucchero: buonissima e gustosa! Alla fine ne abbiamo comprato ben tre bicchieroni senza avere nessun problema di stomaco o intestinale!

Il giorno dopo ci attende la visita del sito archeologico di Volubilis e della 4^ città imperiale del Marocco: Meknes.

Rabat Marocco cosa vedere
Rabat – medina
Rabat Marocco cosa vedere
Rabat

 

 

 

 

 

GRAZIE PER AVER LETTO FIN QUI: come mi puoi aiutare?

Il massimo per me, se hai tempo, sarebbe che tu scrivessi due parole su come hai trovato l’articolo lasciando la tua stellina. Trovi il pulsante[CREATE YOUR OWN REVIEW] a fondo pagina.

Puoi anche in alternativa lasciarmi solo un commento qui sotto il post, un like sui social o condividere questo articolo in modo che possa girare ed essere utile a più persone.

 

SE HAI BISOGNO DI PIU’ INFORMAZIONI SCRIVIMI: info@sometimesaway.com

SE VUOI SAPERE DI PIU’ SU DI ME: clicca qui

DICONO DI ME

PER NAVIGARE IL BLOG E SEGUIRLO TRAMITE MAIL: clicca le tre striscette in alto a sinistra di questo articolo, come mostra la foto qui sotto: vedrai tutte le categorie, gli itinerari e le informazioni generali sul blog.

 

 

 

IL SIGNIFICATO DEL VIAGGIO PER ME

In questi ultimi anni tengo fede ad una delle massime del Dalai Lama:” Almeno una volta all’anno vai in un posto dove non sei mai stato prima”.
Dopo anni di rinunce e di infelicità, ho deciso che la vita è troppo breve e troppo imprevedibile per continuare ad aspettare per fare quello che mi piace e che mi rende felice.

Ciò che rende felice me oggi è poter esplorare il mondo in cui vivo, fotografarlo nel suo complesso ma anche nei suoi dettagli, filmarlo per trattenere quelle emozioni sottili che altrimenti finirei per dimenticarmi, e alla fine condividere con te tutto ciò che ho visto e provato attraverso i miei articoli.

Viaggiare è per me Amore – Libertà – Gratitudine

 

 

Submit your review
1
2
3
4
5
Submit
     
Cancel

Create your own review

Sometimes Away by Chiara
Average rating:  
 0 reviews

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *