MAURITIUS: il bagno coi delfini – la nostra esperienza e consigli su come organizzarla

 

Il bagno coi delfini è stata la più bella esperienza della nostra vita!
Nuotare con i delfini è qualcosa che ha toccato il cuore e la sensibilità di tutti; per nostra figlia Giada è stato addirittura qualcosa di veramente speciale. Lei non aveva mai visto prima così tanti delfini tutti insieme e a distanza molto ravvicinata: da una parte aveva una voglia matta di buttarsi in mezzo a loro, dall’altra ne aveva paura…bè insomma, come darle torto? Ci si deve buttare in mezzo all’oceano e non è così facile per un bambino!
Alla fine comunque la voglia ha vinto sulla paura e si è tuffata; poi parliamoci chiaro, quante possibilità ci sono di rivivere a breve un’esperienza del genere?
Non l’ho mai vista così emozionata e felice! Mi ha detto che questo è stato il più bel regalo ricevuto nella sua vita; ma anche per noi vale lo stesso!
Ricordo ancora le urla di gioia e di stupore di tutte le persone che stavano con noi appena vedevano affiorare il branco di delfini dall’acqua, e le migliaia di foto che sono state fatte!

(English Version)

 

 

LEGGI ANCHE I MIEI CONSIGLI SU COME RIDURRE IL COSTO DELLA META – IL NOSTRO ITINERARIO COMPLETO DI MAURITIUS – INFO PRATICHE

 

Certamente, secondo me, anche questa attività è diventata qualcosa di troppo turistico e i poveri delfini probabilmente avvertono fin troppo la nostra invasione giornaliera. La cosa positiva però, sempre secondo me, è che li puoi vedere nel loro ambiente naturale nel mezzo dell’oceano, e non in una piscina dove puoi interagire con delfini ammaestrati!
E’ certo che dall’altra parte questo fatto renda l’esperienza molto più difficoltosa: non sempre riesci a vedere i delfini all’istante, ma a volte devi avere la pazienza di aspettarli per diversi minuti e quando ce la fai sono talmente veloci che svaniscono in breve tempo e ti ci vogliono le pinne ai piedi per stare loro dietro! Comunque se sei un pò paziente non resterai deluso!
Noi siamo riusciti a trascorrere qualche secondo tra loro, e Giada addirittura ha lanciato un urlo perchè uno di loro passando le ha toccato una gamba 😀
Ti lascio qui sotto il nostro breve video: fatto come abbiamo potuto, ma è più eloquente di mille parole!

 

 

 

COME ORGANIZZARE QUESTA ESCURSIONE

Ci sono diversi modi per organizzare questa escursione, io ti posso raccontare come ci siamo mossi noi: dall’Italia avevamo già contattato una guida locale che ci ha accompagnati per tutto il tour di Mauritius, ed è stato proprio lui ad aiutarci a realizzare questo sogno un pò di tutti contattando delle guide locali che conosceva personalmente. (Se vuoi informazioni sulla nostra guida locale  a Mauritius Prakash Ishram leggi qui la mia recensione).

✔La partenza è dalla spiaggia di Flic and Flac (costa centro-ovest) in barca veloce.
Dura più o meno una giornata (8.00/16.00) ed è divisa in tre tappe: BAGNO COI DELFINI – ISOLA DI BENETIER – SNORKELING . (Dovesse esserci brutto tempo ovviamente non effettuano l’escursione).

 

 

1^ tappa: BAGNO COI DELFINI

Lungo il tragitto per raggiungere il luogo dell’avvistamento, ci siamo divertiti così tanto che difficilmente ce ne dimenticheremo: con queste barche vanno veloci come fulmini e ogni tanto, essendo basse, imbarcano acqua facendoti fare un sacco di docce…quante risate!

 

 

 

2^ tappa: ISOLA DI BENETIER

La seconda tappa è l’Isola di Benetièr passando dalla famosa Crystal Rock, una roccia in mezzo al mare usata dalle modelle come set fotografico. Una volta arrivati sull’isola i ragazzi ti preparano un barbecue che è la fine del mondo (mai assaggiato uno più buono) con pane grigliato e piccole e dolci banane alla griglia come dessert: una vera leccornia! Rhum e bibite a volontà.

Hai comunque il tempo per rilassarti sulla spiaggia e/o farti una passeggiata; l’isola non è grande ma abbastanza singolare nelle sue manifestazioni, anche se un tantino turistiche: trovi gente che vende i propri prodotti da strane imbarcazioni costruite da loro, immagino, mentre le persone che lavorano nei bar passano coi vassoi per portare da bere o da mangiare ai turisti, dentro contenitori “fruttati”.

Non aspettarti che quest’isola abbia una spiaggia bianca e spettacolare perchè non è così anzi, è più una sottile lingua di terra dorata, ma il mare ha colori da favola (verde che più verde non si può) anche se difficile fare il bagno per l’acqua troppo bassa, e ha un paesaggio bellissimo col monte alle spalle!

barbecue

 

 

 

3^ tappa: SNORKELING

La terza e ultima tappa della giornata è la sosta per lo snorkeling, prima di ritornare a Flic and Flac: i fondali non sono ricchissimi come quelli di Sharm El Sheik che secondo me rimangono sempre i migliori!

 

 

 

 

I MIEI TRE CONSIGLI

  1. Puoi prenotare questa escursione con le guide locali: sono più economiche e molto gentili. Inoltre sulla barca hanno il kit salvataggio, non è gente sprovveduta!
  2. Meglio in barca veloce che in catamarano: è più divertente e hai la possibilità del barbecue sull’isola, mentre col catamarano pranzi direttamente a bordo. Un vero peccato!
  3. L’aspetto che ho trovato bellissimo di questa gita è che non ci siamo trovati col classico gruppo di italiani in vacanza, ma con un gruppo molto eterogeneo: noi tre unici italiani, una coppia tedesca, una russa, una di Reunion e una del Sud Africa…semplicemente fantastico…qualcosa di speciale, inconsueto e più arricchente che starcene all’estero sentendoci a casa: terribile!  Certo che se non sai l’inglese questo potrebbe rappresentare per te un problema; al limite te ne stai in silenzio come ha fatto mio marito, il che a volte non è poi tanto male!

 

COSTO DELL’ESCURSIONE

Non è molto economica, ma la cifra che si spende vale per quello che andrai a vedere: 3000 rupie mauritiane / 75 Euro a persona. Per i bambini la metà.

Include:

  • trasporto a/r con barca veloce;
  • le tre tappe sopra citate;
  • pranzo sull’isola di Benetiér, bevande incluse.
  • se arrivi in taxi sul posto, dovrai mettere in conto qualcosa in più per il taxista. Noi siamo stati accompagnati dalla nostra guida Prakash che poi ci ha aspettato tutto il giorno al parcheggio: la cifra per il trasporto fin qui era già inclusa nel pacchetto che avevamo pattuito per girare l’isola con lui.

 

 

 

 

GRAZIE PER AVER LETTO FIN QUI: se ti va lasciami un commento, un like o condividi questo articolo in modo che possa girare ed essere utile a più persone.

SE HAI BISOGNO DI PIU’ INFORMAZIONI SCRIVIMI: info@sometimesaway.com

SE VUOI SAPERE DI PIU’ SU DI ME: clicca qui

DICONO DI ME

PER NAVIGARE IL BLOG: clicca le tre striscette in alto a sinistra di questo articolo, come mostra la foto qui sotto, per vedere tutte le categorie, gli itinerari e le informazioni generali sul blog.

 

 

 

IL SIGNIFICATO DEL VIAGGIO PER ME

In questi ultimi anni tengo fede ad una delle massime del Dalai Lama:” Almeno una volta all’anno vai in un posto dove non sei mai stato prima”.
Dopo anni di rinunce e di infelicità, ho deciso che la vita è troppo breve e troppo imprevedibile per continuare ad aspettare per fare quello che mi piace e che mi rende felice.

Ciò che rende felice me oggi è poter esplorare il mondo in cui vivo, fotografarlo nel suo complesso ma anche nei suoi dettagli, filmarlo per trattenere quelle emozioni sottili che altrimenti finirei per dimenticarmi, e alla fine condividere con te tutto ciò che ho visto e provato attraverso i miei articoli.

Viaggiare è per me Amore – Libertà – Gratitudine

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *