VIAGGIO IN SPAGNA:
il nostro itinerario fai da te di Siviglia e Granada con le info più utili per andare coi bambini

 

 

 

 

TOUR SIVIGLIA E GRANADA

9-15 Settembre 2012

 

 

 

COME CI SIAMO ORGANIZZATI

 

Questo breve viaggio in Andalusia è stato il primo in assoluto che facevamo con Giada che allora aveva 5 anni.

 

Il volo per Siviglia l’abbiamo prenotato a marzo per settembre in modo da avere tariffe buone: se non ricordo male avevamo speso in tre circa 350 Euro a/r con Ryanair con un bagaglio in stiva.

 

Una volta atterrati all’aeroporto di Siviglia, abbiamo subito ritirato l’auto a noleggio da Hertz: non abbiamo avuto sorprese quando abbiamo lasciato l’auto a fine percorso, e non ci hanno fatto pagare il seggiolino per Giada. Ora sono passati un pò di anni, ma ricordo che il noleggio non superava le 300 Euro per tre giorni.

 

Siamo partiti subito nel primo pomeriggio per dirigerci verso Granada: la distanza è di circa 250 km e ci si impiega circa due ore e mezza, tre. Il nostro hotel non aveva parcheggio, quindi l’abbiamo lasciata all’interno di un silos a pagamento per tutto il nostro soggiorno a Granada di due giorni e mezzo. Anche qui se non ricordo male, non avevamo speso più di 50 Euro.

 

La visita della città è stata fatta interamente a piedi, mentre per Giada abbiamo imbarcato il nostro passeggino ultra leggero a Milano: forse a cinque anni può risultare ridicolo, ma un bambino non può camminare da mattino a sera come noi adulti! Giada poi all’epoca aveva ancora bisogno di dormire al pomeriggio, quindi questa scelta si è rivelata super azzeccata sia per lei che per noi: quando era stanca si sedeva e noi non abbiamo rinunciato a vedere niente!

 

Durante i due giorni e mezzo abbiamo visitato la città moderna, il centro storico per poi addentrarci in un percorso verso l’alto che ci ha portati tra le bianche case dei gitani fino all’abbazia del Sacromonte, in cima alla collina dell’Albaicin. Qui sotto puoi leggere gli articoli relativi alla città. ( A BREVE USCIRA’ ANCHE L’ARTICOLO SULL’ALHAMBRA)

 

GRANADA: itinerario a piedi per l’Albaicìn e visita al monastero della Cartuja

 

Da Granada abbiamo quindi riportato l’auto all’aeroporto di presa a Siviglia, dove abbiamo trascorso di nuovo due giorni e mezzo tra visite ai principali monumenti storici, giri a cavallo, pause trascorse sulle panchine degli immensi parchi della città, e una serata ad uno spettacolo di flamenco, prima del rientro in Italia. Abbiamo scelto di visitare prima Granada e solo in un secondo momento Siviglia, solo per il fatto di essere già nella stessa città da cui sarebbe poi partito il volo del rientro!

 

SIVIGLIA: cosa vedere in 2/3 giorni nella città perfetta per i bambini

 

Dalla città di Siviglia all’aeroporto abbiamo preso il bus con quella destinazione.

 

 

 

SISTEMAZIONI

 

Abbiamo cercato di alloggiare in centro in modo da essere più agili negli spostamenti, cercando sistemazioni spartane per risparmiare un pò, ma allo stesso tempo dignitose: pulite, con bagni privati in camera e in posizioni comode per le visite.

 

GRANADA: PENSION MARTINEZ (3 notti)

 

Punti di forza:

  • posizione centralissima e a 900 metri dall’ Alhambra
  • camera e bagno più puliti di casa mia: avremmo potuto mangiare per terra!
  • signora alla reception gentilissima: ci ha anche consigliato una visita al monastero della Cartuja che noi non avevamo nemmeno considerato
  • Prezzo bassissimo, forse 30 euro in tre per tre notti: la bambina poteva dormire nello stesso letto con noi senza pagare

 

Punti dei debolezza:

  • appena siamo arrivati mi sono pentita di aver prenotato in questo posto: ubicato in una parallela alla via principale, ma sembrava di essere in un tugurio, una via isolata che non faceva una bella impressione! L’ingresso alla pensione mi ha demoralizzata ancora di più:  esteticamente non c’era niente di bello, un vecchiume unico! Quando poi la signora ci ha accompagnati in camera,  siamo saliti per una scala impervia (non esiste ascensore) e per la prima volta sono rimasta impressionata al positivo per la bellezza delle scale, lucide tanto da potersi specchiare e tutte ricoperte da azulejos coloratissimi: iniziava da allargarsi il respiro!
  • le camere sono molto minimali e strette tanto che noi avevamo appena lo spazio per girarci ma c’era tutto il necessario, non mancava davvero nulla.
  • la colazione e il parcheggio non sono disponibili.

 

In conclusione per me è stata una sistemazione con un ottimo rapporto qualità / prezzo, pulitissima, ma certo bisogna avere un po’ di spirito di adattamento. Se ti fermi a Siviglia per una settimana intera non ti consiglio questa pensione solo per le dimensioni ridotte delle sue camere, ma per qualche giorno va benissimo e risparmi parecchio senza scadere nella qualità.

 

 

SIVIGLIA: B&B NARANJO (3 notti)

 

Punti di forza:

  • in pieno centro storico, quindi ideale per girare il centro e tutte le principali attrazioni .
  • camere ampie e bagno privato in camera: entrambi puliti, anche se non a livello della pensione di Granada.
  • ottimo rapporto qualità / prezzo, anche se prezzi più alti rispetto alla pensione di Granada.
  • Colazione inclusa sufficiente.

Punti di debolezza: 

  • L’unica nota negativa è che mi pare non ci sia parcheggio.

 

 

 

QUANDO ANDARE

 

Noi siamo stati ai primi di settembre: la mattina presto faceva freddino, mentre durante il giorno caldissimo ma non insopportabile.  Credo sia un ottimo viaggio anche per la nostra primavera e persino in inverno le temperature sono miti. Direi di escludere l’estate per il troppo caldo.

 

 

 

 

PERCHÉ SCEGLIERE QUESTA DESTINAZIONE 

 

Decisamente è un tour economico, anche per quanto riguarda i costi dei ristoranti e della vita in generale: non abbiamo superato le 1300 euro in due adulti e una bambina di 5 anni comprensivi di:

  • Volo prenotato da me con Ryanair;
    noleggio auto Hertz per tre giorni;
    hotel (2) piuttosto economici ma puliti e in centro città prenotati con booking.com;
    pranzi al sacco e cene al ristorante, pagate davvero poco;
    tutte le attrazioni turistiche (entrate nei musei, chiese e complessi vari più un giro in carrozza a Siviglia);
    souvenirs vari.

 

Meta super adatta ai bambini, soprattutto Siviglia, piena di parchi, carrozze coi cavalli e attrazioni davvero carine per loro.

Granada è più un sali scendi anche attraverso acciottolati, il che può risultare scomodo per il passeggino , ma se ci si adatta un po’ , ce la si può tranquillamente fare. Noi tutti questo grandi problemi non li abbiamo avuti.

A dire il vero, è stato il viaggio più bello, forse perchè il primo vissuto in tre e con grande entusiasmo da parte di Giada, per non parlare delle città: una più bella dell’altra! Tutto a pochissime ore di volo dall’Italia!

Volendo con un giorno o due in più, per completare il giro, si potrebbe inserire anche la città di Cordoba con la sua bellissima moschea! 

 

 

 

 

 

 

GRAZIE PER AVER LETTO FIN QUI: se ti va lasciami un commento, un like o condividi questo articolo in modo che possa girare ed essere utile a più persone.

SE HAI BISOGNO DI PIU’ INFORMAZIONI SCRIVIMI: info@sometimesaway.com

SE VUOI SAPERE DI PIU’ SU DI ME: clicca qui

DICONO DI ME

PER NAVIGARE IL BLOG: clicca le tre striscette in alto a sinistra di questo articolo, come mostra la foto qui sotto, per vedere tutte le categorie, gli itinerari e le informazioni generali sul blog.

 

 

 

IL SIGNIFICATO DEL VIAGGIO PER ME

In questi ultimi anni tengo fede ad una delle massime del Dalai Lama:” Almeno una volta all’anno vai in un posto dove non sei mai stato prima”.
Dopo anni di rinunce e di infelicità, ho deciso che la vita è troppo breve e troppo imprevedibile per continuare ad aspettare per fare quello che mi piace e che mi rende felice.

Ciò che rende felice me oggi è poter esplorare il mondo in cui vivo, fotografarlo nel suo complesso ma anche nei suoi dettagli, filmarlo per trattenere quelle emozioni sottili che altrimenti finirei per dimenticarmi, e alla fine condividere con te tutto ciò che ho visto e provato attraverso i miei articoli.

Viaggiare è per me Amore – Libertà – Gratitudine

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *